martedì 12 agosto 2014

Cose che sicuramente leggerete oggi


"Isteria da necrologio di massa attraversa i social". Facile sia accompagnato da hashtag, ad esempio ‪#‎lamorteaitempidifacebook‬ o‪#‎ciestinguiamo‬.

"Ciao Robin, ci mancherai" accompagnato da un'immagine sicuramente non tratta da One Hour Photo.

"Non ci credo, non ci posso credere" e di seguito, preferenzialmente, "non vedevo un suo film da 20 anni, ma vuoi mettere Hook?".

Aforismi da l'Attimo Fuggente, possibilmente errati o tradotti male dall'Inglese.

Teorici del complotto disquisiscono sulle sospette modalità del presunto suicidio. Numerosi criminologi della Domenica portano il thread a 150/200 post in pochi minuti.

"Questo bambino è morto in (inserire un qualsiasi scenario di guerra) ma voi piangete un americano ricco che si è tolto la vita", accompagnato dalla foto di un bambino trucidato in luogo differente da quello indicato. (Alternativamente alla vittima di guerra la morte di un medico o di uno scienziato sconosciuto al grosso pubblico che però a differenza dell'attore tanto amato, ha ideato qualcosa di veramente utile, come il pongo o l'allunga-pene).

"Il comico piange dentro" e altre disquisizioni sulla depressione, sul fatto che chi ci tiene allegri spesso è quello che ha più bisogno di supporto, ecc., condito da una foto presa da Patch Adams.

Questo post.

Robin... E che cazzo! Non potevi pensare alle conseguenze?

"Fuck!"



Nessun commento:

Posta un commento