giovedì 16 maggio 2013

A casa di Facebook...

"Facebook Home"

Leggo diversi articoli che parlano del "flop" di Facebook Home, il nuovo wrapper per alcuni telefoni Android (come il Galaxy S3 o il HTC One X+) che dopo l'installazione porta Facebook sulla schermata di blocco e di partenza dello smartphone modificandone il launcher delle app, esaltando l'uso del noto social network e privilegiandolo rispetto alle altre app e funzionalità del dispositivo.

Vi sono vari motivi che giustificano il presunto flop (comunque oltre un milione di download effettuati, al momento) tra cui l'autonomia notevolmente ridotta della batteria o il fatto che i widget e le personalizzazioni dell'utente non siano più visibili, ma in sintesi il motivo principale sembra essere l'assenza dell'esperienza Android come l'utilizzatore la conosceva.

Quello che sarebbe mancato agli sviluppatori in fase di progettazione sarebbe quindi una incapacità di riconoscere l'importanza di tale esperienza del mondo Android, in quanto tutti, o comunque la maggior parte, utenti iPhone. Questa tesi è apparsa su un articolo di Josh Constine su Tech Crunch ed è poi rimbalzata un po' ovunque su blog e stampa specializzata o meno. La tesi sarebbe che sebbene Facebook abbia spinto i propri sviluppatori e progettisti ad adottare telefoni e tablet col sistema operativo di Google, questi ultimi non abbiano voluto abbandonare i propri iPhone e iPad, rimanendo quindi all'oscuro di quanto fossero importanti la personalizzazione e i widget per l'utente Android (iOS non permette un livello simile di personalizzazione e non supporta widget) e non avvertendo quindi la necessità di implementarli in Home.

Bullshit.

Cercare di caricare sull'iPhone una parte della colpa di un grosso errore di valutazione di Facebook è un tentativo puerile, inoltre la tesi è male argomentata. Ad esempio, se è vero che suddetti sviluppatori sono così affezionati al proprio smartphone designed in Cupertino tanto da non prendere in considerazione il passaggio (anche solo temporaneo, si noti) ad Android, per quale motivo Home non assomiglia per niente ad iOS? Ad esempio perchè non ha il dock, oppure le cartelle? Se installassi Home sul mio iPhone (cosa peraltro non possibile) sentirei il bisogno di accedere al dock ogni tanto, ma non potrei farlo perchè tale funzione non è stata implementata.

Il problema non è che gli sviluppatori di Facebook sono dei cattivi sviluppatori perchè usano iPhone (che in fondo è la tesi del Sig. Constine), ma perchè sono dei cattivi sviluppatori. Punto. Facebook su smartphone è una app, non è l'intero smartphone. Certo, è comodo che ci siano delle scorciatoie che permettono di postare messaggi o foto direttamente dalle altre app o dall'OS, ma la cosa finisce lì. Il problema è che Home è semplicemente un'idea nata male, che probabilmente la maggior parte delle persone non è interessata ad usare (perchè ridurre al solo Facebook il mio costoso telefono che ormai uso al posto del pc o del Mac nel 70/75% dei casi?).

Facebook Home non è casa mia. E a quanto pare neanche della stragrande maggioranza di chi possiede un telefono Android.

Nessun commento:

Posta un commento